Sicurezza Sul Lavoro: 10 errori da evitare (guida per il datore di lavoro)

articolo1

“Nessuno nasce imparato” recita un detto. E mai come in materia di sicurezza sul lavoro il detto è piu’ azzeccato.

Perchè proteggere i lavoratori sul lavoro è argomento che non si impara a scuola, ci si puo’ arrivare con buonsenso, per spirito di emulazione del vicino di azienda oppure, ancor peggio, viene imposto da qualcuno di piu’ autorevole (Organi di Vigilanza a tutela del comparto lavoratori come Ats o Carabinieri).

Area 81, che tra i vari servizi propone anche corsi di primo soccorso aziendale, ci offre una mini guida di 10 errori spesso commessi (anche in buona fede) dal nostro datore di lavoro, immerso ormai nelle giungla normativa anche per questo (nuovo?) “mostro giuridico”: Il Testo Unico Sicurezza, alias Decreto Legislativo 81 del 2008.

Furto in azienda da parte del dipendente: si può licenziare?

furti-aziendali

Dover licenziare un dipendente non è mai un atto piacevole, ma purtroppo in alcuni casi non rimane altro da fare. Pensiamo all’ipotesi in cui si colga un dipendente nell’atto di rubare o quella, più frequente, in cui si sospetti che un dipendente sta rubando in azienda, ad esempio che stia sottraendo soldi dalla cassa. Come comportarsi quando avviene una situazione di questo tipo? Secondo le Continua a leggere…

La gestione dell’energia nelle aziende

auditenergetico_business_800x565

L’utilizzo delle energie all’interno di un’azienda è di fondamentale importanza. Basti pensare che circa l’80% dell’energia che viene consumata ogni giorno proviene da combustibili fossili: questo significa che si tratta spesso e volentieri di energia inquinante, che impatta sul Paese, sull’economia, e sulla natura. L’uso di combustibili fossili a lungo andare è la causa della crisi energetica che stiamo vivendo: non a caso fra le Continua a leggere…

Formazione HACCP, tanto indispensabile quanto sottovalutata

haccp

Quando parliamo di HACCP intendiamo tutte le procedure necessarie a prevenire ogni minima e possibile contaminazione a danni di cibi e bevande. Acronimo della parola inglese “Hazard Analysis and Critical Control Points”, letteralmente analisi dei pericoli e dei punti di controllo critici, è un elemento indispensabile per tutte quelle attività che manipolano, direttamente o indirettamente, alimenti. L’HACCP consiste nel monitoraggio del processo di lavorazione degli Continua a leggere…

Macchine Utensili: quali sono e come funzionano

Macchine-Utensili_

Le macchine utensili sono per l’appunto dei macchinari utilizzati per la trasformazione, nella forma e nella dimensione, di oggetti di qualsiasi materiale, mediante rimozione selettiva di materiale in eccesso, tramite l’uso di specifici utensili. Storia delle macchine utensili Il termine “macchina utensile” di solito viene usato per indicare dei macchinari che funzionano mediante una fonte di movimento diversa da quella umana, sebbene queste necessitino comunque di un Continua a leggere…

Nuove opportunità per lavorare nel settore della moda

personal-shopper_

Uno dei settori lavorativi più affascinanti e che non conosce crisi in Italia è quello della moda. Si fa presto a parlare di “settore della moda”, si tratta di un mondo talmente ampio e variegato da essere difficile da valutare e da circoscrivere alla sua reale portata; questo universo permette l’accesso a tantissimi posti di lavoro perfettamente in linea con le esigenze, i talenti e Continua a leggere…

Stampa cataloghi professionali: quando diventa fondamentale scegliere la qualità migliore

stampa-cataloghi-professionali_800x533

L’ultimo Print Census, (indagine condotta su 1405 realtà che lavorano nel mondo tipografico su tutto il Globo) ha raccolto dati da un’ampia gamma di aziende; i dati presentati a metà Maggio 2018, infatti, sono stati rilevati da aziende che si occupano di stampa digitale (17%), stampa serigrafica (15%), stampa di segnaletica ed espositori e stampa di tessuti (entrambe il 10% del campione), stampa commerciale e Continua a leggere…

Acqua del rubinetto – normale o filtrata – o in bottiglia? L’eterno dilemma in una terra ricca d’acqua buona da bere.

acqua-del-rubinetto-o-in-bottiglia_

Partiamo da un dato importante. L’Italia è al terzo posto, dopo Messico e Thailandia, per consumo di acqua in bottiglia. In Italia, tuttavia, la qualità dell’acqua è al quinto posto in Europa. Infatti, solo Austria, seguita nell’ordine da Svezia, Irlanda e Ungheria, hanno un’acqua migliore di quella dello stivale. In Italia circa l’85% delle fonti è sotterranee, indice di maggiore qualità rispetto alle acque che Continua a leggere…