Sicurezza Sul Lavoro: 10 errori da evitare (guida per il datore di lavoro)

articolo1

“Nessuno nasce imparato” recita un detto. E mai come in materia di sicurezza sul lavoro il detto è piu’ azzeccato.

Perchè proteggere i lavoratori sul lavoro è argomento che non si impara a scuola, ci si puo’ arrivare con buonsenso, per spirito di emulazione del vicino di azienda oppure, ancor peggio, viene imposto da qualcuno di piu’ autorevole (Organi di Vigilanza a tutela del comparto lavoratori come Ats o Carabinieri).

Area 81, che tra i vari servizi propone anche corsi di primo soccorso aziendale, ci offre una mini guida di 10 errori spesso commessi (anche in buona fede) dal nostro datore di lavoro, immerso ormai nelle giungla normativa anche per questo (nuovo?) “mostro giuridico”: Il Testo Unico Sicurezza, alias Decreto Legislativo 81 del 2008.

L’importanza della sicurezza in magazzino

retecamere.it_800x507

La sicurezza sul lavoro è un tema molto scottante quindi per un responsabile della logistica è di fondamentale importanza conoscere tutte le normative legate a questo settore per attuare le disposizioni necessarie a tutelare l’incolumità dei dipendenti e della merce. Segnaletica, scarpe antinfortunistiche, caschetti ed attrezzature adeguate rappresentano l’ABC che ogni operatore e dipendente dovrebbe conoscere, ma sono diversi gli aspetti da tenere in considerazione Continua a leggere…

Come aprire un affittacamere, i passi da seguire

travel-1677347_1280_800x533

Che cosa si intende per affittacamere? Secondo la legge 217/83, l’affittacamere viene definito come: “Una struttura composta da non più di sei camere ubicate in non più di due appartamenti ammobiliati in uno stesso stabile, nei quali sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari.” Si tratta quindi di un’attività di ricezione che comprende al massimo 12 posti letto, dislocati in diversa maniera a seconda delle Continua a leggere…

Bonifica Amianto, ecco qualche consiglio eliminare la presenza dell’amianto in casa

bonifica_amianto_welcome_800x308

La presenza dell’amianto in casa è molto pericolosa, perché come noto questo materiale, un minerale di composizione fibrosa, è stato impiegato nella costruzione di molte case qualche anno fa ma è potenzialmente cancerogeno. Prima del 1990, numerosi edifici sono stati costruiti utilizzando l’amianto, che allora era un materiale conosciuto soprattutto per la sua eccezionale resistenza al fuoco, mentre era ignoto che l’asbesto potesse anche provocare Continua a leggere…

Il cloud computing: cos’è, vantaggi e svantaggi per gli imprenditori 

cloud-computing-cosa-e_800x450

Fra i temi preponderanti dell’industria 4.0, il cloud computing è uno dei temi più interessanti e recenti. Si sente spesso parlare di cloud computing come di una vera opportunità per le piccole, medie e grandi imprese, ma di che cosa si tratta nello specifico? Per cloud computing possiamo intendere una tecnologia che permette di utilizzare, da un software remoto, delle risorse hardware e software grazie Continua a leggere…

Pensioni donne, allo studio il Bonus Figli: cos’è e come funziona 

pensioni-donne-figli_800x456

Al complesso discorso sugli scenari pensionistici e sulla quota 100 introdotto dal governo si aggiungono ora altri suggerimenti, quello del bonus figli per lo sconto contributivo alle donne e quello per i lavori usuranti. Allo studio il bonus figli per le pensioni femminili: si tratta di un bonus che verrebbe corrisposto alle donne che hanno avuto figli, garantendo un anno di sconto sulla pensione per Continua a leggere…

Sicurezza,Abbigliamento da lavoro: cosa dice la normativa

Abbigliamento da lavoro cosa dice la normativa _800x532

L’attuale normativa di riferimento che regola l’abbigliamento da lavoro è il Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro entrato in vigore a maggio 2008, prendendo il posto della precedente normativa 626. Si tratta di una normativa che mette in chiaro tutto quello che datore di lavoro e lavoratore deve rispettare in ambito professionale. Nello specifico, il datore di lavoro deve mettere a conoscenza il lavoratore dei Continua a leggere…

La multa per omessa comunicazione dei dati del conducente: quando è possibile fare ricorso

Omessa comunicazione dei dati_800x533

Quando per la violazione contestata è prevista la sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente di guida è necessario procedere alla comunicazione dei dati del conducente al momento dell’infrazione. Tale comunicazione deve essere effettuata nel termine di sessanta giorni dalla contestazione dell’infrazione (se la violazione viene contestata immediatamente ad esempio mediante fermo da parte degli agenti accertatori) o dalla data di notifica del verbale Continua a leggere…