Cessione del quinto: tutte le informazioni di cui hai bisogno

cessione del quinto, come funziona

La cessione del quinto è la forma di finanziamento più semplice per chi è un lavoratore dipendente o pensionato. In questo articolo vogliamo spiegarvi cos’è e quali sono tutti i requisiti necessari per poterlo ottenere, cercando di rispondere alle domande più frequenti poste sul argomento.

Prima di tutto vogliamo spiegare che cos’è la cessione del quinto e come opera. Si tratta di una forma di finanziamento a tasso fisso con rimborso che viene fatto a rate costanti, così come accade con un qualsiasi prestito personale. Come funziona la cessione del quinto? Il rimborso delle rate non viene effettuato direttamente dal debitore, ma dal suo datore di lavoro. È infatti il datore a trattenere l’importo della rata di rimborso direttamente dallo stipendio del lavoratore. Nel caso di pensioni, è invece l’istituto previdenziale a trattenere l’importo dovuto per il finanziamento.

Il calcolo della cessione del quinto viene solitamente fatto nella misura in cui non si deve assolutamente superare il quinto dello stipendio o della pensione netta ogni mese. In certi casi è possibile aumentare la richiesta a due quinti, in questo caso bisogna però sottoscrivere anche una delega del pagamento, oltre che il contratto per la cessione. Come regola generale, vale comunque il quinto dello stipendio per il calcolo della rata di rimborso.

La cessione del quinto può essere dunque richiesta da pensionati o da dipendenti privati e pubblici. Per quanto riguarda gli interessi vengono applicati il TAN e il TAEG. Vengono poi accreditate al debitore le spese di istruttoria, le commissioni bancarie e le spese assicurative. Uno dei vantaggi della cessione del credito sta nel fatto che è più facile che le banche eroghino il mutuo perché c’è la garanzia dello stipendio e del datore di lavoro. La normativa tutela gli interessi del debitore e del creditore. Inoltre se gli anni di servizio maturati non sono ancora molti, le banche concedono somme più alte più facilmente, proprio perché si hanno molti anni a disposizione per poter rimborsare le rate.

I requisiti per chiedere la cessione del quinto vengono controllati non solo sul debitore ma anche sull’azienda per cui lavora. In genere si controlla il numero di dipendenti, il capitale sociale e altri fattori che vengono tutti presi in considerazione dalla banca, prima di deliberare il mutuo. La cessione del quinto favorisce anche chi ha una storia creditizia non buona. I requisiti per richiedere questa forma di prestito riguardano infatti l’essere lavoratori dipendenti o pensionati, non sono richieste altre garanzie reali. Quello che è obbligatorio è sottoscrivere un’assicurazione rischio vita e una rischio impiego. È l’istituto bancario a decidere se sono necessarie tutte e due, o se ne basta una sola delle due.

È chiaro che la cessione del quinto come forma di finanziamento è ottima per chi ha uno stipendio o la pensione e magari non ha una situazione creditizia passata che lo renda particolarmente affidabile agli occhi dei creditori. Funziona molto bene se non si ha a disposizione altri tipi di garanzie reali o se non si possono dimostrare altri redditi. Inoltre è più probabile che la banca accetti la pratica.